Christmas of art

Christmas of art

Posted by Lucienne Böhm | 22nd December 2016 | Blogpost

During Christmas italian cities look like charming old ladies, all embellished, ready to celebrate one of the most important festivities in the world. The Nativity crib, born in Italy, is shown in its many variants, as well as magnificent trees that decorate squares and churches, along with craft markets celebrating a return to the “Hand Made” and the festive lighting that transform the streets in something magic. However, the real stars of Christmas are children: children who are waiting for Saint Lucia on December 13, with a mixture of excitement and anxiety, and together with most European children unwrap their presents on December 25, the more scoundrels will find instead coal in their socks on January 6.

Italian Christmas is obviously a triumph of flavours and specialties: Pandoro and Panettone,  Almond nougat, the Struffoli, the Pettole, Cappelletti in broth, lentils, stuffed pig’s foot; mulled wine served outside churches and sparkling champagne sipped on the beach at New Year’s eve.

Along with the celebration of ancient traditions there are events that bind this festivity with contemporary society and its artistic manifestations.

image

 

One of these is Luci d’Artista, a cultural event born in Turin in 1998 and also performed in Salerno from 2006, which has the lights as a protagonist, specially created for the occasion by Italian and international contemporary artists.

Installations, already lit from October 28, transforms Turin in a bright and open air contemporary art museum. This year three installations that had been part of some previous editions will return to Turin: Flying Carpet by Daniel Buren, Ice Cream Lights by Vanessa Safavi and We by Luigi Stoisa.

In addition to visual installations there will be room for music with the project A Great Symphony for Turin that will link installations with musical pieces written by young composers; near the light installation there is a totem where you will find a QR code to be scanned with a smartphone or tablet. The lights will remain in the city until January 15, 2017.

Luci d’Artista takes place for eleven years also in Salerno, where the lights were switched on from November 5, with Rocco Papaleo as Honorary Chairman.

image

 

The historic center of the town is dotted with giant figures, high-impact and elegant installations, especially on Corso Vittorio Emanuele, where you can admire a waterfall of lights, lamps and luminous globes. There is also a section for children: in the Villa Comunale gardens were installed lights dedicated to new fairy tales to the delight of the little ones, a real fairytale garden with magicians, sorcerers, light tunnel and enchanted figures.

In 2009-2010 began an ideal partnership between the two cities: during the event (November-January), the lights used the previous year in Turin were exposed in Salerno, together with some other new works specially commissioned for the occasion. In 2009 Turin has taken instead several works of the town in Campania, thus initiating a genuine exchange between the two cities.

If you will be in Turin or Salerno at this time, do not miss the light show!


The COFFI team returns home for the holidays to enjoy these magical festivities, and sends you greetings from Cagliari, Modena, Taranto, Verona and Potsdam!

Durante il periodo natalizio le città italiane assomigliano a delle vecchie affascinanti signore che, tutte imbellettate, si apprestano a celebrare una delle festività più importanti al mondo.

Il presepe, nato in Italia, non può mancare nelle sue innumerevoli varianti, così come gli alberi sontuosi che ornano piazze e chiese insieme ai mercatini artigianali, che celebrano un ritorno al “Fatto a Mano”, e alle luminarie che donano un tocco di magia anche alle vie di paese più anonime.

Ma i veri protagonisti del Natale sono i bambini che guardano alle feste attraverso le confezioni dei regali: i bimbi che, con un misto di eccitazione e timore, aspettano Santa Lucia il 13 dicembre, quelli che, insieme alla maggior parte dei bimbi europei, scarteranno i loro regali il 25 dicembre e i più malandrini che troveranno il carbone nella calza il 6 gennaio.

Il Natale italiano è ovviamente anche un trionfo di sapori e specialità tipiche: il Pandoro e il Panettone, il Mandorlato, gli Struffoli, le Pettole, i Cappelletti in brodo, le lenticchie, lo zampone; il vin brulè fuori dalle chiese immerse nella nebbia e lo spumante bevuto in spiaggia a Capodanno.

Insieme alla celebrazione di tradizioni antiche non mancano eventi creati ad hoc che legano questa festa alla contemporaneità e alle sue manifestazioni artistiche.

image

 

Una di queste è Luci d’Artista, una manifestazione culturale nata nel 1998 a Torino e realizzata anche a Salerno dal 2006, che ha come protagoniste le luminarie, create appositamente per l’occasione da artisti contemporanei italiani e internazionali.

Le installazioni, già accese dal 28 ottobre, trasformano Torino in un luminoso museo d’arte contemporanea a cielo aperto. Per l’edizione 2016, nel capoluogo piemontese tornano tre installazioni che avevano fatto parte di alcune edizioni precedenti: Tappeto volante di Daniel Buren, Ice Cream Lights di Vanessa Safavi e Noi di Luigi Stoisa. Oltre alle installazioni visive ci sarà anche spazio per la musica con il progetto A Great Symphony for Torino, che crea un dialogo tra le installazioni e i brani di giovani compositori, accanto alle opere si trovano dei totem muniti di QR code da fotografare con smartphone o tablet per attivare la parte musicale. Le luci rimarranno in città fino al 15 gennaio 2017.

Luci d’Artista è giunto all’undicesima edizione anche a Salerno, dove le luminarie sono state accese il 5 novembre con Rocco Papaleo come padrino d’eccezione.

image

 

Il centro storico della città campana è costellato di figure giganti, installazioni di grande impatto ed eleganza, in particolare su Corso Vittorio Emanuele dove si possono ammirare una cascata di luci, lampadari e globi illuminati.  Si è pensato anche a una sezione per bambini: nel giardino della Villa Comunale sono state installate luminarie dedicate a nuove fiabe per la gioia dei più piccoli, un autentico giardino fiabesco con maghi, stregoni, tunnel luminosi e figure incantate.

Nel 2009-2010 ha avuto inizio un gemellaggio ideale tra le due città: nel periodo della manifestazione (novembre-gennaio) parte delle luci utilizzate l’anno precedente a Torino sono state esposte a Salerno, insieme ad altre opere inedite appositamente commissionate. Nel 2009, invece, la città piemontese ha adottato diverse opere del comune campano, dando così avvio a un vero e proprio scambio tra le due città.

Se sarete a Torino o Salerno in questo periodo non perdetevi lo spettacolo di luci!

Il team del COFFI torna a casa per godere di queste magiche festività e vi manda gli auguri da Cagliari, Modena, Taranto, Verona e Potsdam!

Add a comment

*Please complete all fields correctly

Related Blogs

Posted by Michela Cantello | 4th July 2017
CONTEMPORARY ART
Is this art or can I throw it away? Many of you may remember what happened in 2015 at the Museion in Bolzano when the artwork of the artists Goldschmied...
Posted by CoffiAdmin | 30th May 2017
Call for entries 2017
The CALLS FOR ENTRIES are open!   Be part of COFFI Festival Berlin 2017 and submit your work! Festival: September 01-03, 2017 at ZK/U Berlin Deadline: June 30, 2017 Theme:...
Posted by Eleonora Tagliazucchi | 25th May 2017
Theme 2017: Contaminazione
We are happy to announce the theme of the next festival edition: "Contaminazione" This relates to the themes of previous editions (2014: "Modern vs. tradition", 2015: "Growing on Diversity"), pursuing...